giovedì 23 novembre 2017

Corso di Rinnovo Tesserino Regionale Raccolta Funghi

Cari amici controllate la data di scadenza del vostro tesserino, sappiate che dura 5 anni e poi dovrete rinnovarlo con due serate di lezioni, se scadrà nel 2018 è bene pensarci prima.
Collegatevi al sito dell'Amena per iscrivervi.

ciao

bruno

CLICCATE QUI'

lunedì 20 novembre 2017

...e per finire...pioppini

Ciao a tutti,

dopo la tanta acqua arrivata avremo una settimana di grande stabilità, sicuramente fredda di notte e durante la prima mattinata ma il sole sarà una costante, ed allora non ci rimane che tentare qualche breve e vicina uscita per cercare di trovare dei pioppini, dovrebbero essere presenti e con la loro raccolta chiuderemo veramente la stagione micologica 2017 e ci daremo appuntamento ai primi funghi del 2018.
Ricordo i corsi di aggiornamento del tesserino regionale raccolta funghi che dovrebbero tenersi entro le prime due settimane di dicembre, mentre un corso completo sarà organizzato i primi mesi del 2018, non perdete queste occasioni perché non ce ne saranno tanti.
Il blog, tranne eventi particolari, si muoverà per inserire schede ed altro, gli aggiornamenti speriamo di riprenderli presto e bene nel 2018, che sia un anno come si deve.

Grazie a tutti

bruno

Cyclocybe aegerita

martedì 14 novembre 2017

...l'ultimissimo di Quintino...

Cari amici,

le previsioni parlano di nevicate e forti accumuli, le passeggiate cambiano, occorreranno le ciaspole e gli sci...e la promessa di Quintino?...la ricordo, era quella dei porcini sotto la neve, evento verificatosi altre volte. Ma se non potrà andare come farà?...intanto ha giocato d'anticipo, domenica scorsa....grazie grande Quintino, hai vinto anche quest'anno....ciao

....Ciao Bruno...visto  che da Lunedì purtroppo avremo tre giorni di neve, anche a quote basse, io ho seguito il tuo consiglio e sono andato oggi sulle fungaie della neve...e questo è l'unico ritrovamento di oggi...però è saldo e fresco e un solo porcino, di questi tempi, vale più di una gerla piena....per non parlare della bellezza  del bosco e del silenzio che crea un'atmosferica magica e unica. A presto Quintino.


Pinophilus pinicola

lunedì 6 novembre 2017

...è il momento degli irriducibili...

Ciao a tutti,

 .. se fosse piovuto a suo tempo come in questi giorni....sicuramente avremmo cambiato idea sull'annata che sì è di fatto chiusa. Ma poi si è effettivamente chiusa?
A giudicare dalle foto di alcuni amici di domenica scorsa devo dire proprio di no, ci sono ancora gli "irriducibili", quelli come i samurai della seconda guerra mondiale che girano ancora per i boschi convinti che la loro "guerra" possa ancora produrre effetti, non mollano, perseverano.
Adesso vi posto un breve commento dell'amico Quintino che insieme alla moglie non molla certamente e continua a godere delle belle passeggiate e di alcune sorprese nella bellezza della solitudine dei boschi.
Con lui ho sempre una sfida aperta, mi dovrà trovare porcini sotto la neve, spesso vince lui.

ciao

bruno

ecco il messaggio e le foto di Quintino:
Ciao Bruno, io passeggio sempre, anche quando non si trova niente....e se poi la fortuna ti assiste...con l'aiuto di un pochino di conoscenza, forse riesci anche ad avere  qualche bella sorpresa...😃😃😃😃😃....ecco quella di ieri...comunque continueremo a passeggiare perché adesso che il bosco è "silenzioso" sicuramente si riesce a godere della bellezza della natura...e poi, chissà,  se anche quest'anno riusciremo con la neve a fare qualche foto sicuramente un po' insolita!!!...ciao Quintino




giovedì 2 novembre 2017

...è finita...

Carissimi amici,

era una volta.
Craterellus cornucopioides, trombette dei morti, si chiamano volgarmente così perché questo è il periodo di ritrovamento, ma quest'anno nulla, il nulla del nulla, cestini desolatamente vuoti, giusto due "cardarelle" per chi s'è dato una mossa. Insomma si chiude un anno micologico sicuramente il più brutto della mia vita e speriamo proprio che con il 2017 se ne vada un anno tutto da dimenticare e che il prossimo si ricominci ad avere una certa regolarità.
Adesso dobbiamo sperare che piova tantissimo, che faccia tanta neve in montagna, sulle cime, a prescindere dai funghi ne abbiamo un estremo bisogno.
Comunque le giornate molto belle le dobbiamo sfruttare con delle bellissime passeggiate, facciamoci vedere in montagna, un caffè, un pranzo, nei locali che soffrono così tanto l'abbandono sono sempre un modo per far sentire la nostra solidarietà.
Adesso pian pianino rimettiamo la gerla a posto, un retino ci basta per qualche sorpresa e approfittiamo per vedere se il nostro tesserino è a posto e nel caso frequentiamo il corso di rinnovo e per quelli che non l'hanno probabilmente i primi mesi del 2018 faremo un corso per averlo.
Io sono stanco di tutte queste formalità ma la Legge lo prevede e fin quando c'è dobbiamo rispettarla, noi dovremo essere sopra la formalità, il nostro comportamento dev'essere sempre un esempio.

Grazie a tutti ed in bocca lupo a voi tutti

bruno

Craterellus curnucopioides

martedì 24 ottobre 2017

..adesso viene il bello...

Carissimi amici,

il meteo è veramente bizzarro, siamo passati dalla quasi estate al freddo con neve a 1400 m, dal terreno secco al poco bagnato, da pochissimi funghi a quasi più nulla, dai boschi che avevano ancora le foglie a quelli totalmente spogli degli ultimi giorni.
Che si fa?....appendiamo la gerla e gli scarponi?....restiamo a casa e vedere le solite trasmissioni televisive che ci annacquano il cervello?....io ho solo una risposta: "...fatelo voi "
Ritengo che la stagione ci ha abituati al poco o al nulla anche dopo tanti km nel bosco ed allora cosa cambia?, continuiamo ad uscire, esiste il porcino del freddo, il Boletus pinophilus, il rosso, quello che qualcuno, impropriamente, chiama "bronzino di montagna". Questo fungo non teme il freddo e fino a quando la neve non sarà oltre i 5 cm potremo trovarlo.
Questo è lo stimolo che vi do, e la foto che vedete è la prova di oggi.

Fate voi....ciao

bruno

Boletus pinophilus

lunedì 16 ottobre 2017

.....poveri fungaioli...

Ciao a tutti,

difficile veramente fare commenti in questa stagione micologica veramente incontrollabile e imprevedibile.
Diciamo subito che è difficile trovar funghi, e non parliamo di porcini, forse gli unici che ogni tanto si trovano ma vedere una varietà di funghi è veramente difficile, almeno sotto faggio.
Certo che quei pochi funghi che abbiamo trovato sono veramente di grande qualità, il faggio ha tenuto bene le poche aspettative ed in molti si sono avventurati e continuano a passeggiare nella speranza dell'incontro dell'anno.
Molti mi chiedono dei consigli dove poter effettuare l'uscita ed è paradossale che alcune volte consiglio zone con buone fruttificazioni mentre io non trovo nulla.
Direi che il faggio si avvia verso il riposo dell'autunno tardivo anche se le temperature sono state ottime ma in alto il secco impera, un po' meglio vanno i castagneti.
Ora cosa pensare non so, bisogna finirla questa stagione ed allora continuiamo ad uscire, godiamo della bellezza del periodo e sono sicuro che qualche bestione si farà ancora vedere.
Abbiamo ancora una decina di giorni, cosa succederà?...vedremo.

grazie a tutti quelli che seguono queste piccole informazioni, quest'anno è proprio dura.

ciao

bruno

Clitocybe nebularis